Secondo la Reuters (che cita alcune fonti affidabili) le azioni di Facebook starebbero “andando a ruba” e gli investitori istituzionali avrebbero portato la domanda di titoli a un livello superiore a quelli effettivamente a disposizione. Il road show di Facebook per l’IPO (Initial Public Offering, offerta pubblica iniziale) non si è ancora chiuso e, in vista di un possibile sbarco in Borsa il 18 maggio, la forchetta del prezzo della singola azione tra 28 e 35 dollari sembra ampiamente superabile (come già avevo scritto precedentemente basandomi sulle opinioni di alcuni brokers). Nel frattempo, come scrive oggi Il Sole 24 Ore, si complica la vicenda dell’acquisizione di Instagram da parte del social network (che nonostante questo, dopo la dichiarazione ufficiale di 901 milioni di utenti, adesso pare veleggiare verso il tetto del miliardo).