Ci sono voluti dieci anni, dieci anni di bugie, dieci anni di perché senza risposta.

Perché chi sapeva è stato zitto? Perché chi poteva scoprire non si è mosso? Perché questa verità era così inconfessabile da richiedere il silenzio, l’omertà, l’occultamento delle prove?

C’era la guerra quella notte del 27 giugno 1980: c’erano 69 adulti e 12 bambini che tornavano a casa, che andavano in vacanza, che leggevano il giornale, o giocavano con una bambola.

Quelli che sapevano hanno deciso che i cittadini, la gente, noi non dovevamo sapere: hanno manomesso le registrazioni, cancellato i tracciati radar, bruciato i registri, hanno inventato esercitazioni che non sono mai avvenute, intimidito i giudici, colpevolizzato i periti.

E poi, hanno fatto la cosa più grave di tutte: hanno costretto i deboli a partecipare alla menzogna, trasformando l’onestà in viltà, la difesa disperata del piccolo privilegio del posto di lavoro in mediocrità, in bassezza.

Ora, finalmente, mentre fuori da questo palazzo, dove lo Stato interroga lo Stato, piove, a molti sembra di vedere un po’ di sole.

Aspetta. Queste ultime tre righe non mi piacciono. Aggiungi soltanto… Perché?

(Corso Salani nella scena finale de “Il muro di gomma”)


LA SCENA DEL FILM: https://www.youtube.com/watch?v=TGSsv0dTiU0


FLIGHT 870: http://flight870.com/


IL SITO DELL’ASSOCIAZIONE DEI PARENTI DELLE VITTIME: http://www.stragediustica.info